Elenco blog personale

lunedì 20 maggio 2019

Segnalazione My King & My Queen di Lucia Tommasi.


TITOLO :MY KING - Down your hands from the throne #1 Hate Series

AUTORE:Lucia Tommasi 

GENERE: Erotic/Mafia Romance 

STORE: In escusiva solo su Amazon 

USCITA: 3 novembre 2018 



TRAMA: Lei è un male, lo so! Ma è il male che voglio, il male che mi fa stare bene. 
Nick Sorento è il figlio di un noto boss di New York che possiede la zona di Manhattan, è da sempre in guerra con il suo rivale, Quentin Vos, che possiede la zona di Brooklyn. 
Le due famiglie si odiano da tanti anni e crescendo anche i figli hanno continuato a farlo. 
“Gli anziani”, la cerchia di cinque persone tra cui politici, massoni e importanti imprenditori che controllano New York, non ne possono più dei loro continui massacri, attirano troppa polizia, quindi vogliono mettere uno di loro sul trono. 
Sarà un Sorento o un Vos? 
Nick intanto aspira a quel posto, vuole riempire i suoi vuoti, vuoti che lo perseguitano da quando è nato. 
Non ha avuto un’infanzia dolce, è cresciuto con intorno solo odio e sangue, quindi di conseguenza si è creato la sua corazza. 
Le donne per lui sono solo un pretesto per soddisfare i suoi piaceri e riempire questo vuoto che sente da quando era solo un ragazzino. 
Una sera però incontra per caso una mora bellissima, non è formosa e siliconata come piace a lui o come quelle che frequenta. Questa è una ragazza semplice e il fatto che lei a primo impatto lo respinge e lo ignora scatena in lui la voglia di averla. 
Ma ben presto, forse quando è troppo tardi, scopre che quella donna è Vivyan Vos, la figlia di quella famiglia che lui odia troppo. 
Cercherà in tutti i modi di togliersela dalla testa, cercherà di farle del male per ferirla e indebolire i Vos, ma la cosa gli si rivolterà contro perché quell’azione farà l’inverso, gli farà perdere la testa e di conseguenza la farà perdere anche a Vivyan. 
Nick è sicuro di salire al trono, visto che ha ucciso l’unico erede maschio dei Vos, ma non sa che proprio Vivyan ha deciso di concorrere per quel posto. 
Nick vuole essere il Re di quella città e adesso deve fare i conti con la donna che gli ha rubato l’anima e che ben presto gli ruberà anche la corona. 

MY QUEEN - I am ready to share my throne #2

SINOSSI:
I continui messaggi che arrivavano a Nick adesso hanno un volto, quello di Karina. Mentre la rivelazione di sua madre gli fa mancare l’aria. 
Diventerà padre, ma molti dubbi fanno vacillare tutte le sue certezze. Dubbi che gli metterà in testa sua madre che non si arrenderà facilmente alla sua storia con Vivyan. 
Il padre di Nick cerca in tutti i modi di riappacificarsi con il figlio, vuole far parte della sua famiglia ed essere perdonato. 
Vivyan invece si sente sola, suo padre è tutta la sua famiglia, ma lui stesso l’ha ripudiata dopo che ha saputo che aspetta un bambino da Nick ed è andata a vivere da lui. Adesso l’unica sua famiglia è Nick e il bambino che porta in grembo. 
Anche Jason proverà a ricongiungersi con Nick, è pentito, vuole un rapporto con lui, ma Nick non ne vuole sapere, anche se sa che è suo fratello. 
I comportamenti di Riley però incuriosiscono Nick, cosa starà tramando? Perché è sempre così assente? Perché non si interessa più alla sua storia con Vivyan? Cos’ha in ballo in questo momento? 
La verità su Riley lo sconvolgerà tremendamente, ma finirà il loro rapporto o Nick ci metterà una pietra sopra? Anche se forse ci vorrà un macigno. 

GENERE: Mafia/Dark/Erotic romance 

Autore: Lucia Tommasi 

DATA USCITA: 6 maggio 2019 

Romanzo conclusivo (My King e My Queen) 


Estratto: 

Corro e li trovo tutt’e tre in salotto. Mamma grida in un angolo, è in lacrime, papà tiene una pistola puntata verso Sebastian che è a pochi passi, ma anche lui tiene una pistola puntata verso papà. 
<<Che cazzo succede qua?>> Grido e i due stronzi si voltano a guardarmi. 
Eccoli qua. Il padre che mi ha cresciuto, che è anche uno stronzo egoista, ed ora cerca di ammazzare il padre che mi ha concepito, un uomo senza spina dorsale. 
E poi c’è la troia di mia madre che non ha saputo scegliere tra questi due coglioni. Che quadretto insulso. 
Sebastian mi guarda con uno sguardo paterno, uno sguardo più dolce delle altre volte. Lui mi ha sempre visto come un figlio, ma non sapeva che lo fossi realmente. 
Sento uno sparo e Sebastian cade a terra. Quel codardo di papà gli ha sparato mentre lui si era distratto. Ho sbagliato, quello senza spina dorsale è August, non Sebastian. 
Grido il suo nome e corro da lui. <<Tranquillo.>> Premo forte sulla ferita che è vicino al cuore e spero che August non l’abbia ucciso perché se così fosse ucciderò anche lui.  <<Aiden chiama l’ambulanza.>> 
<<Non possiamo, arresterebbero tuo padre.>> Che lo facciano! 
Mi volto a guardare mio padre August, sembra pentito e impaurito ma poco mi importa. <<Dovrei farlo, dovrei mandarti in prigione e fartici restare a vita. Ma così metterei in pericolo anche me. Quindi non sognarti che lo stia facendo per te.>> Guardo nuovamente Aiden. <<Chiama Quinn.>> 
<<Già fatto, arriva immediatamente.>> Sento di nuovo la sua voce. <<Vuoi che chiami anche Vivyan?>> 
<<No! Lasciamola fuori da tutto questo.>> 

Cerco di svegliare Sebastian che nel frattempo ha perso i sensi. 
Mia madre gli accarezza la testa e piange. <<Che cazzo piangi? È tutta colpa tua questo casino. Se muore sarà solo colpa tua. L’hai ucciso tu!>> Ammetto di essere duro con lei, soprattutto in questo momento, ma è tutta colpa sua e qualcuno deve dirglielo. 
<<Come puoi essere così crudele?>> Le lacrime le hanno fatto sciogliere il mascara. 
<<E tu come hai potuto essere così bugiarda? Mi hai concepito con uno e ti sei sposata l’altro. Potevi sistemare le cose, potevi sposare quello che ti aveva messa incinta e non sarebbe successo niente. Saremmo stati tutti felici e contenti, ma tu non potevi sposare uno come Sebastian, giusto? Tu dovevi sposare quello più potente e più ricco.>> 
<<Non è stata una mia scelta, è stato mio padre a obbligarmi. Io glielo avevo detto che il bambino era di Sebastian ma mio padre mi fece sposare August lo stesso.>> 
<<Quel bastardo di tuo padre sapeva tutto??>> Interviene furioso papà. <<Sapeva tutto e mi ha costretto comunque a sposarti?>> 
<<Non chiamare mio padre così!>> 
Mio padre grida più forte. <<Il vostro scopo era solo prendervi il mio potere e ingrandirvi.>> 
<<Come avete fatto anche voi!>> La mamma grida più forte. 
Papà ci va giù pesante. <<Voi vi siete presi il potere con l’inganno. Io amavo Karoline, ho sempre amato lei e mai te.>> 
<<Se l’amavi così tanto allora perché l’hai uccisa? Perché l’hai ammazzata con le tue mani. Il suo sangue e sulle tue mani.>> Aspetta, io credevo l’avesse fatta uccidere. 

BIOGRAFIA:
Lucia Tommasi ha ventisei anni e vive in un piccolo paese della Sicilia. Ama leggere, scrivere e ama molto gli animali. 
Fin da piccola ha sempre avuto una fantasia smisurata e non appena è cresciuta, incoraggiata dalle fan di Facebook ha iniziato a pubblicare, riscuotendo un moderato successo. 


Nessun commento:

Posta un commento