Elenco blog personale

sabato 27 maggio 2017

Segnalazione L'ultimo fiore che ho in me.


Segnalazione L'ultimo fiore che ho in me .

Ciao a tutti amici lettori, come state?
Oggi vi voglio segnalare un libro davvero molto interessante: L'ultimo fiore che ho in me.
ho letto i primi due capitoli e vi posso assicurare che mi ha presa e catapultata nella storia, così tanto che mi sono mangiata le mani per la mancanza del libro intero. Penso proprio che sarà uno dei miei prossimi acquisti.
L'autore ha uno stile molto scorrevole ed' è riuscito a creare suspense in pochissime pagine, pochi ne sono capaci.
I personaggi sono molto intriganti e vi assicuro che ne sarete completamente catturati.
Ne approfitto per ringraziare l'autore per avermi permesso di scoprire questo scritto, GRAZIE di cuore.
Ma andiamo a darvi qualche informazione dettagliata sul libro:


Titolo: L'ultimo fiore che ho in me
Autore: Alexandre Zappalà
Casa Editrice: Edizioni Epsil
Pagine: 294
Prezzo: € 15,00 cartaceo € 3,99 digitale
Presentazione del libro:

L’ultimo fiore che ho in me” è un romanzo che ha come protagonisti due giovani follemente innamorati. Mark, 34 anni, professore di letteratura in un liceo, ed Elisabeth, 27anni, ingegnere libero professionista. I due vivono a Parigi (siamo nell’anno 2012), sono oramai uniti da circa due anni e progettano di sposarsi, di formare una famiglia ed invecchiare insieme. Un imprevisto, però, interviene rischiando di mandare in frantumi questo meraviglioso futuro. Mark è vittima di un terribile incidente e lo spettro della morte si affaccia prepotentemente. Proprio quando tutto sembra crollare, il destino sembra però proporre una seconda possibilità. La possibilità di salvare il partner. Con, però, un altissimo prezzo da pagare come contropartita.
Intanto a Mosca, l’ex etoile del balletto classico, Natasha, vive una vita anonima e modesta, prigioniera dei ricordi di un drammatico passato. Inaspettatamente, il passato tornerà a riprenderla, mettendola di fronte ad una possibile seconda opportunità.
Il libro, attraverso queste due storie, propone al lettore un’analisi introspettiva. Dove sarebbe pensabile arrivare per salvare l’amore della propria vita? Esiste un limite?
La narrazione passa da un approccio quasi “sovrannaturale” a uno razionale, e viceversa, a seconda dei capitoli e dei momenti, facendo capire al lettore, solo nel finale, quale sia la verità.”

Bene amici lettori, vi auguro bellissime letture, noi ci leggiamo domani con un nuovissimo post.

Bacioni dalla Cry.

Nessun commento:

Posta un commento