Elenco blog personale

martedì 24 aprile 2018

Recensione Tutti i difetti che amo di te + Ti fidi di me?


Titolo: Tutti i difetti che amo di te
Autore: Anna Premoli
Genere: rosa
Pagine: 281
Prezzo: € 9,90
Casa editrice: New Compton editori
Voto: 5/10

Trama:

Mettere i bastoni tra le ruote alla sua famiglia è una vera arte per Ethan Phelps. Perfezionata con cura nel corso degli anni. Quando suo padre muore all'improvviso, senza lasciare alcun testamento, la situazione precipita perché il ragazzo eredita, insieme al fratello maggiore, le quote della Phelps&Phelps, multinazionale quotata in borsa e ancora sotto il controllo della famiglia. Il giorno in cui Ethan irrompe durante una riunione degli azionisti completamente ubriaco, la famiglia si convince della necessità di intervenire per salvaguardare lui e la sua quota azionaria, che garantisce loro di avere la maggioranza. Il tribunale nomina quindi un amministratore del suo patrimonio, ma sarà solo il primo di una lunga serie, perché Ethan è bravissimo a farli fuggire, uno dopo l'altro. Quando anche il terzo rassegna le dimissioni, il giudice incaricato del caso decide di tentare una strada diversa, e invece di nominare uno dei soliti professionisti, chiama Sara di Giovanni, la cui specializzazione sono i brevetti aziendali. Ma Sara ha il grande vantaggio di essere determinata e, al contrario degli altri, di avere una vita privata che non la rende ricattabile. La collaborazione tra lei ed Ethan inizia a suon di reciproci dispetti, ma è destinata a evolversi in qualcosa di ben più complicato ed eccitante...

Recensione:

Purtroppo questo libro non mi è piaciuto più di tanto.
Ok, appartiene al genere romantico ma, nonostante la mia repulsione per il genere, ho trovato la storia un po' noiosetta.
Mi dispiace quindi dare un voto così basso ad un libro della Premoli, che solitamente ammiro e leggo volentieri quando sono in cerca di letture leggere.
Proprio non sono riuscita ad immedesimarmi nei personaggi, Ethan mi è sembrato troppo ricalcato sullo stampo del solito belloccio, ricco, seduttore e immaturo...irritante insomma e per nulla sexy, per quanto mi riguarda.
Sara d'altro canto, mi è sembrata acida in modo terribilmente esagerato, troppo rigida e testarda.
In genere io amo le donne forti ma Sara, sebbene sia intelligente e brillante, non ha in sé quella forza e quel non so che essenziale per renderla interessante e speciale.
Sarebbe potuta essere una storia divertente e leggera ma, secondo il mio gusto personale, le situazioni risultano solo ridicole all'estremo e i battibecchi poco originali.
Chiamarla delusione è troppo, però è certo che mi sarei aspettata qualcosa di diverso, specie conoscendo e avendo apprezzato altre storie della Premoli.
Spero sia solo un caso questa caduta perché ho molti altri titoli nella mia libreria della stessa autrice.


Titolo: Ti ricordi di me?
Autore: Sophie Kinsella
Casa editrice: Mondadori
Prezzo: € 11,90
Genere: rosa
Pagine: 360
Voto: 6/10

Trama:

Quando Lexi si sveglia in un letto di ospedale, non ricorda proprio cosa le sia successo. È convinta di avere 25 anni, di essere povera in canna, con una vita sentimentale disastrosa, i denti storti e le unghie mangiate... E invece eccola fresca di parrucchiere, con una bocca perfetta, mani curatissime, un lavoro da super manager e... un sacco di soldi! Sì, perché oltretutto è sposata a un bellissimo miliardario. Ma come è possibile? Il fatto è che lei in realtà ora ha 28 anni, ma non ricorda nulla del suo passato recente, marito compreso, e non riesce proprio a riconoscersi. Ma almeno ha la vita perfetta, e questo sembra un buon inizio...o no?

Recensione:

Avevo voglia di una lettura leggera tra un bel fantasy e l'altro e la mia scelta è ricaduta su Sophie Kinsella, un'autrice che non mi ha mai delusa.
Se mi seguite sapete che non amo i romanzi rosa, eccetto quelli ironici e divertenti. Si da il caso che Sophie Kinsella scriva dannatamente bene e che, perdi più sia anche simpaticissima e abile nel creare storie buffe.
Ti ricordi di me? È si una storia romantica ma così incasinata e particolare che non caderci dentro a capofitto è praticamente impossibile.
Ero lì che cercavo di orientarmi alle prime pagine e un secondo dopo mi sono completamente trovata ad immedesimarmi nella simpaticissima e sfigatissima Lexie.
L'inizio poi è tutto un programma, forse un tantino sboccato e poco femminile ma esilarante!
Come potete leggere dalla trama, Lexie ha un incidente e al suo risveglio si ritrova a vivere una vita del tutto nuova e tre anni persi della propria esistenza.
Una situazione sicuramente paradossale, ci pensate se succedesse a voi?
Mentre leggevo il mio cervello continuava a pensare “E se un giorno capitasse a me di dimenticare tre anni della mia vita? Se non conoscessi mio marito, non ricordassi nulla del mio lavoro e mi ritrovassi in una casa a me sconosciuta?
Sarebbe da panico non trovate?
Forse è proprio questa situazione assurda ad avermi fatto entrare in “confidenza” con la protagonista.
L'arrivo di John poi complica tutto e, devo ammetterlo, non mi è piaciuto per nulla come personaggio, in realtà i personaggi maschili in questo libro sono decisamente pessimi, compreso Eric, il marito.
Poco simpatiche anche le presunte amiche della vecchia Lexie, che schifano proprio la versione post incidente all'inizio.
Si è ripresa però creando Amy, la sorellina combina guai che vivacizza decisamente la storia.
Ok, ovviamente non è un libro che mi è entrato nel cuore o che mi ha commossa, però è stata una bella lettura, leggera e divertente che mi ha aiutata a passare qualche ora di relax lontana dalla realtà.
Ora non vedo l'ora di leggere qualche altro libro firmato Kinsella.

2 commenti:

  1. Ciao! Ho letto un paio di romanzi della Premoli (non questo) e li ho trovati carini.
    "Ti ricordi di me?" mi è piaciuto molto! Anche io mi sono fatta le tue stesse domande... Devo dire che però a me il personaggio di John, ironico e pungente, è piaciuto. No comment su quella noia mortale di Eric :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      La Kinsella è un'autrice davvero originale e ironica e Ti fidi di me? è stata una piacevole lettura.
      :)

      Elimina