Elenco blog personale

mercoledì 11 aprile 2018

Recensione Shadowhunters-La principessa.


Titolo: La principessa
Saga: Shadowhunters The infernal devices
Autore: Cassandra Clare
Casa editrice: Mondadori
Prezzo: 13,00
Genere: Sovrannaturale/ urban fantasy
Pagine: 554
Voto: 10/10
Trama:

Una rete d'ombra si stringe sempre di più intorno agli Shadowhunters dell'Istituto di Londra. Mortmain progetta di usare un esercito di automi spietati per distruggere una volta per tutte i Cacciatori. Gli manca un solo elemento per completare l'opera: Tessa Gray. Intanto, Charlotte Branwell, capo dell'Istituto, cerca disperatamente di trovarlo per impedirgli di scatenare l'attacco. E quando Mortmain rapisce Tessa, Will e Jem, i ragazzi che ambiscono alla conquista del suo cuore, fanno di tutto per salvarla.


Recensione:

Ti ho sempre amato, Will, qualunque cosa facessi. E adesso ho bisogno che tu faccia per me quello che non posso fare da solo. Che tu sia i miei occhi quando io non li avrò. Che tu sia le mie mani quando non potrò usare le mie. Che tu sia il mio cuore quando il mio avrà cessato di battere.” Jem Carstairs

Non avete idea di quanta fatica sto facendo a scrivere questa recensione, appartengo a quella schiera di persone che fanno fatica a parlare di ciò che è in grado di toccare il cuore.
Beh, La principessa è uno dei pochi libri che è stato in grado di disintegrarmi il cuore.
È difficile parlarvene come vorrei senza fare spoiler per cui non so davvero come fare...ma rimango fedele al mio intento di non rivelare mai dettagli che potrebbero rovinare la sorpresa e il gusto della lettura e della scoperta che deve avvenire leggendo pagina per pagina.
Magari un giorno ve ne parlerò a cuore aperto e integralmente in un video per chi vuole davvero sapere tutto senza censure.
La principessa è il volume finale delle Origini di Shadowhunters per cui potete ben immaginare che succeda di tutto nel corso della storia.
Sebbene abbia apprezzato i volumi precedenti, L'angelo e Il principe, La principessa è stato il libro che più ho amato, che mi ha fatto immedesimare nei personaggi e che mi ha regalato emozioni così forti e profonde da non essermi ancora completamente ripresa.
Sapete, se avete letto i volumi precedenti, che Jem, il mio personaggio preferito, è ad un passo dalla morte e ciò mi indisponeva terribilmente a iniziare questo terzo volume, lo ammetto.
Per fortuna comunque ho deciso di leggerlo, è stata la decisione giusta perché è stata una delle letture più belle che io abbia mai fatto.
Il triangolo Will, Tessa, Jem è così altalenante e profondo, viscerale che è difficile odiarne anche uno solo, sebbene la protagonista femminile non sia proprio nei miei gusti.
A dire il vero Tessa è il personaggio che più mi ha fatta arrabbiare, poi pentire, dubitare e ritrattare del tutto il pensiero iniziale.
Ora, vi confesso, non amo particolarmente i triangoli e non capisco i personaggi che si trastullano tra due cuori innamorati, trovo molto irritante tutto ciò, sebbene la storia risulti più intrigante e succosa. Però nel caso di Will e Jem ho finito per amare entrambi, nonostante tifassi dall'inizio per Jem (non è un mistero) sono riuscita ad apprezzare moltissimo anche l'amore ostinato e doloroso di Will, perfino a capirlo.
Ma Tessa a me proprio non andava giù, almeno fino all'epilogo, parte del libro in cui ho rivalutato del tutto la ragazza e riuscendo a “perdonandola” in un certo senso.

Te l'avevo detto che non mi avresti lasciato, Jem. E sei ancora con me. Quando respirerò, penserò a te, perché senza di te sarei morto da anni. Quando mi sveglierò e quando dormirò, quando alzerò le mani per difendermi o quando mi stenderò per morire, tu sarai con me. Tu dici che rinasciamo all'infinito. Io dico che c'è un fiume che divide i morti dai vivi. Quello che so è che, se nasceremo di nuovo, ti incontrerò in un'altra vita, e se c'è un fiume, aspetterai sulle rive che io ti raggiunga, in modo che possiamo attraversarlo insieme. “ Will Herondale

La cosa che più ho amato però, più della storia d'amore, è senz'altro la profonda amicizia che lega Will e Jem.
Sono particolarmente sensibile ai legami d'amicizia sia nella realtà che nella fantasia, sono fermamente convinta che sia un legame tanto profondo, quanto l'amore, talvolta persino più forte.
Leggere quindi dell'amore profondo che l'uno nutre nei confronti dell'altro, mi ha commossa, emozionata e riempito il cuore di tenerezza e gioia.
È anche per questo che ho citato diversi pezzi della storia riguardante proprio questo legame.
Il mio finale ideale, ve lo dico chiaramente, sarebbe stato vedere Will e Jem insieme per sempre, solo loro due, a combattere in eterno schiena contro schiena, a completarsi, a comprendersi e ad amarsi fraternamente.
Non è stato importante l'amore che entrambi provano per Tessa, ma proprio il rapporto solido che lega questi due personaggi.
Almeno per me.
Mi sono commossa a leggere quanto l'uno amasse l'altro più di se stesso, che considerassero l'altro come parte della propria anima.
Forse sono troppo sdolcinata in questo senso ma penso non ci sia modo migliore di descrivere l'amicizia, ma non l'amicizia qualunque. Parlo di quel legame speciale che ci lega alla persona che più ci conosce e che più sentiamo simile a noi nel profondo, quella persona a cui non potremmo mai rinunciare, quella che resterà con noi per tutta la vita.
In fondo, gli amori vanno e vengono, ma l'amicizia, quella vera, rimane per sempre.

Non mi allontanerò mai completamente da te. Quando combatterai, sarò ancora con te. Quando te ne andrai per il mondo, sarò la luce al tuo fianco, il terreno solido sotto ai tuoi piedi, la forza che guiderà la spada nella tua mano. Siamo legati, al di là del giuramento.” Jem Carstairs

Ovviamente ho finito per parlarvi più che altro di Jem e Will, ma qui i personaggi sono molti e tutti hanno il loro finale personale (che non vi dirò).
I fratelli Lightwood, Gideon e Gabriel, finalmente si fanno conoscere meglio, sotto aspetti che non mi sarei mai e poi mai immaginata.
Ho apprezzato molto Gabriel e la sua trasformazione da cattivo a buono della situazione, conquistandosi la mia difficile simpatia.

Sophie, la governante, subisce una crescita così grande da renderla meritevole di ammirazione. Una ragazza coraggiosa, determinata e passionale che mi ha piacevolmente sorpresa.

Henry e Charlotte sono gli unici che non subiscono particolari sviluppi, purtroppo.

Magnus Bane, lo stregone, si sbilancia nella grande battaglia finale, mostrando un lato decisamente più morbido del suo essere. Inutile dire che ho voglia di leggere Le cronache di Magnus Bane per conoscere meglio questo misterioso e intrigante personaggio.

Non si rividero mai più, ma non dimenticarono.” Jem Carstairs

La vita è un libro, e ci sono migliaia di pagine che non ho ancora letto.” Will Herondale

Le aveva lasciato le sue orme sul cuore.” Tessa Gray

Insomma, nell'insieme, The infernal devices è una trilogia emozionante, avventurosa, drammatica e viscerale, mi ha sconvolta e conquistata totalmente, anima e cuore, portandosi ai vertici della mia personale classifica di letture.
Ora però, ho paura che la serie The mortal instruments, mi deluda del tutto, che non possa reggere il confronto con The infernal devices...
ma ovviamente affronterò ugualmente questa sfida incrociando le dita e cercando di partire senza pregiudizi.
Vi saprò dire presto, comunque.


2 commenti:

  1. Tranquilla, TMI regge alla grande il confronto.
    O meglio, secondo me Jace è il personaggio maschile meglio riuscito della Clare... ma probabilmente per te sarà diverso, visto che sei partita dalle Origini. Comunque ti auguro buona lettura :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono curiosissima, dopo aver smaltito le letture che devo fare inizierò con TMI :)
      ti saprò dire quale sarà il mio prossimo personaggio preferito...anche se Jem mi ha fatta impazzire troppo ed ho paura che nessuno reggerà il confronto...vediamo ;)

      Elimina