Elenco blog personale

domenica 26 marzo 2017

Recensione Il bacio più breve della storia + Unforgiven

Risultati immaginiTitolo: Il bacio più breve della storia
Autore: Mathias Malzieu
Prezzo: € 10,20
Genere: romantico/fantasy
Pagine: 106
Casa editrice: Feltrinelli
Voto: 9

Trama:

Parigi, una sera al Théâtre du Renard, l’orchestra suona It’s Now or Never. Una ragazza misteriosa e sfuggevole si aggira, lui la nota, cerca in ogni modo di avvicinarla e, quando ormai tutto sembra impossibile, si trovano faccia a faccia e si baciano. Un bacio minuscolo, il più breve mai registrato, e lei scompare. Invisibile, si allontana. Un mistero anche per un inventore come lui che, seppur di indole tendenzialmente depressa, è determinato a rivedere l’eterea e vulnerabile creatura che lo ha ammaliato. Inizia così una ricerca serrata in cui sarà affiancato da due bizzarri personaggi: un detective in pensione, che ha tutto l’aspetto di un orso polare, e il suo stravagante pappagallo. Le invenzioni si susseguono e qualcosa di molto goloso e originale aiuterà il protagonista nel suo scopo. Ormai è chiaro, fra i due è scoccata una scintilla, si è prodotto un cortocircuito. Ma in amore gli artifici non bastano, servono coraggio e temerarietà, doti che entrambi dovranno conquistare se vorranno trovarsi e abbandonarsi l’uno all’altra.
Riusciranno i due a superare ostacoli e paure e a vivere il loro amore?

Recensione:

È da quando è uscito La meccanica del cuore che desidero leggere qualcosa di questo autore che tutti dicono essere straordinario, e finalmente mi è stato regalato Il bacio più breve della storia!
È inutile, le copertine hanno la capacità di catturare l'attenzione del lettore e quelle scelte per i libri di Malzieu sono incredibilmente belle, me ne sono innamorata e conto di recuperare tutte le altre opere, le voglio tutte così da dare una veste ultra fantasiosa e poetica alla mia libreria.
Ma bando alle ciance e passiamo alla recensione vera e propria.
È un libro molto particolare, mentre lo leggevo mi è un parso di tornare indietro nel tempo a quando mi sono lasciata trasportare nel mondo meraviglioso di Alice. Perché Malzieu ha saputo creare una sorta di mondo parallelo a quello che conosciamo e che è il nostro, ha preso la città di Parigi e vi ha inserito personaggi che possono tranquillamente essere messi a confronto con i personaggi di Carrol.
Abbiamo una bellissima e delicata fanciulla che quando viene baciata diventa invisibile, un detective un po' matto (simile al cappellaio matto) che vanta mille storie d'amore con donne molto famose, un pappagallo che fa concorrenza allo stregatto, e un protagonista che è incastrato tra passato e presente, un romantico che sogna l'amore e testardo al punto da voler trovare la sua fanciulla ad ogni costo.
Mi è piaciuto moltissimo lo svolgersi della storia, sembra quasi di stare in un sogno, talvolta un po' confusionario, talvolta un po' strampalato ma sempre molto interessante e fantasioso.
Malzieu ha uno stile fiabesco che ha saputo riportarmi all'infanzia e la capacità di rendere bella e completa una storia fatta di poche pagine.
Con questo libro si colloca decisamente tra i miei autori preferiti, una scoperta davvero meravigliosa.
Come ho già detto voglio recuperare anche gli altri libri quindi se avete suggerimenti fatemi sapere nei commenti i titoli degli altri scritti.
Inoltre sarete ansiosi di scoprire l'identità della famosa ragazza invisibile, vi dico che io avevo intuito la sua identità molto prima che si svelasse l'arcano...ma in fin dei conti era facile.
Nonostante questo la curiosità è stata allettata da questo ennesimo mistero ed è un altro punto a favore dell'autore che ha reso la storia interessante e originale.
Insomma non posso che parlarne bene, e vi consiglio di leggere questo libricino, non ve ne pentirete secondo me.
Ultimo punto a favore l'uso di frasi bellissime che hanno rimpinguato la mia collezione personale di frasi carine che appunto con dovizia su un libricino dedicato ad esse.

I tuoi occhi sono troppo grandi, quando ridi, dentro ci si vede il cuore”

Sei tu il tuo peggior nemico, il più spietato, maldestro e difficile da controllare.”

Chi pretende di aiutare gli altri intanto bisogna che sia capace di salvare se stesso.”

Risultati immaginiTitolo: Unforgiven
Saga: Fallen
Autore: Lauren Kate
Prezzo: € 18,00
Genere: Fantasy
Pagine: 414
Casa editrice: Rizzoli
Voto: 8

Trama:

Sono trascorsi secoli da quando l'angelo caduto Cam ha detto addio a Lilith, strappandole il cuore, ma ancora non riesce a dimenticarla.
Invidioso dell'amore perfetto di Daniel e Lucinda, decide di ritrovarla, ovunque sia.
Così stringe un patto con Lucifero: ha 15 giorni per riconquistare l'unica ragazza che abbia mai amato davvero. Se ci riuscirà, potranno vivere insieme, liberi; ma se non dovesse farcela, Cam rimarrà all'Inferno per sempre, dove lo aspetta un posto speciale. È cominciato il conto alla rovescia: il più oscuro e ambivalente tra gli angeli apre finalmente il suo cuore tormentato, mentre lotta contro il tempo.

Recensione:


Tutti portiamo dentro di noi frammenti dei nostri viaggi, impariamo tutti dai nostri errori.”
Era da molto tempo che aspettavo di leggere questo libro quindi non appena l'ho comprato mi ci sono tuffata all'istante!
L'ho già detto spesso e volentieri che Cam è il mio personaggio preferito della saga Fallen, per cui potrete ben immaginare quante aspettative avessi sulla storia.
Ma come spesso accade, quando ti crei aspettative troppo alte immancabilmente vieni deluso. Con questo non voglio assolutamente dire che il libro non mi è piaciuto, anzi, però non mi ha colpito come mi aspettavo.
Inanzi tutto ho trovato lo stile della Kate leggermente diverso da quello di Fallen, sarà perché passando gli anni gli stili si evolvono e talvolta cambiano, ma, sempre secondo il mio personale giudizio, Unforgiven è meno intrigante e avvincente.
Ho dovuto aspettare qualche giorno prima di recensirvelo perché avevo davvero bisogno di elaborarne la lettura e capire bene le cose che mi sono piaciute e quelle che non mi sono piaciute.

Ti dono le mie braccia
ti dono i miei occhi
ti dono le mie cicatrici
e tutte le mie bugie.

Comincio dalle cose che non mi sono piaciute:
il personaggio di Lilith non mi ha affatto convinta. Io mi aspettavo una donna forte, sicura di sé, caparbia e invece ho trovato una ragazza chiusa, insicura, isolata, piena d'odio e di rancore e anche di pregiudizi.
Luc, ovvero Lucifero è odioso, ma immagino che sia proprio questo lo scopo di un antagonista...però è davvero odioso e se ne inventa di tutti i colori per mettere Cam con le spalle al muro.
Un altra cosa che mi ha delusa è il fatto che Luce e Daniel in questo libro non fanno nemmeno una piccola comparsa (se non quando si parla del passato), ora io capisco che il protagonista assoluto è Cam ma, penso che Daniel e Luce avrebbero potuto dare qualcosa in più, in fondo ai nostalgici i ritorni di fiamma piacciono no?
Ma la cosa più brutta è stata verso la fine del libro...non vi posso dire cosa succede ma la dipartita di alcuni personaggi mi ha fatto storcere il naso e non poco, chi l'ha letto può capire a cosa mi riferisco...o almeno spero.
Devo fare una piccola critica anche alla base su cui è creata la storia: può essere credibile che tutto questo casino sia successo solo a causa di un'incomprensione? Qui io ho dei dubbi forti che mi rendono l'intera storia poco credibile.
Passando alle cose positive invece c'è sicuramente il fatto che il mio adorato Cam sia tale e quale a come l'ho lasciato nella saga precedente: spaccone, arrogante, duro, sicuro di sé e astuto.
Però ha avuto ugualmente una maturazione apprezzabile che lo ha reso più “umano”, qui si scopre che è capace di amare profondamente e di sacrificarsi per quel che ritiene importante.

Vorrei poterti dire che col tempo ti sentirai meglio ma quando ami qualcuno con tutto il cuore, non credo sia possibile.”

Nonostante il “caro” Luc lo imbruttisca non è riuscito a fargli perdere il suo charme innato e rimane il bell'angelo dannato che ho amato dall'inizio e la recalcitrante Lilith ne è affascinata come il primo giorno di tanti millenni fa.
Altra cosa che ho amato è il ritorno di Arriane e Roland che aiutano il bel Cam a riconquistare il cuore di Lilith.

Hai distrutto il nostro amore non mi resta che vivere tra le sue macerie.”

Peccato però che la loro storia d'amore tra i protagonisti non sia riuscita a toccarmi le corde del cuore.
Nonostante tutto rimane un carinissimo spin off su un personaggio assai particolare e la storia in sé è scorrevole e intrigante.
Adesso mi viene una speranza folle...secondo voi ci saranno altri spin off su Arriane e Roland???
Io sarei la lettrice più felice del mondo!

Io ti amavo Cam. Volevo sposarti, e questo significa ogni parte di te, quella buona e quella cattiva, quella che conoscevo e quella che non conoscevo.”




Nessun commento:

Posta un commento