Elenco blog personale

venerdì 31 marzo 2017

Conosciamo i personaggi.


Ciao amici lettori, come state?
Qui tutto bene.
Per esigenze ho dovuto rimandare a oggi l'appuntamento usuale del martedì con la rubrica Conosciamo i personaggi, e devo ringraziare la disponibilità del mio collega Carmelo per questo.
Ma bando alle ciance, oggi abbiamo scelto di parlare del mondo fatato per cui io vi parlerò di Campanellino o Trilly, e lui di Daina.
Buona lettura ;)

Campanellino/Trilly.


Nome: Tinker Bell/ Campanellino/ Trilly
Descrizione: Molto carina, piccola, bionda con grandi occhi azzurri
Carattere: Caparbia, gelosa, possessiva, volubile, dispettosa, irascibile, vanitosa, vendicativa, ma capace di imparare dai propri errori, coerente.

Era una ragazza non più lunga di una mano, elegantemente vestita con una foglia secca riquadrata. Tendeva a una leggera pinguetudine.”

Il mio pensiero:

Chi non ama la piccola Campanellino o Trilly, che dir si voglia?
Ecco, appunto, penso proprio che quasi tutti la amino anche più di Peter Pan o Wendy o Capitan Uncino.
Ho sempre avuto una passione per le fate e la piccola Trilly è senza dubbio una delle più graziose che siano mai state disegnate, il nasino a punta, i capelli biondo oro, gli occhioni da gattina, le misure ridotte e le trasparenti ali la rendono un piccolo incanto.

Ma Trilly non è solo una fatina graziosa, ha anche carattere da vendere, ricordate in che modi cerca di disfarsi di Wendy quando Peter la porta sull'Isola che non c'è?
Io ricordo bene quando la fa quasi uccidere dai Bimbi perduti!
La sua gelosia nei confronti di Peter fa ben capire quanto il suo sentimento per lui sia profondo e, nella mia ingenuità di bambina, mi sono sempre chiesta cosa sarebbe successo tra i due se lei non fosse stata una fatina ma bensì un umana. Mi piace pensare che i due si sarebbero innamorati ma, probabilmente, sogno troppo.
A voi è mai capitato di pensare a questa situazione?
Potrebbero essere una bella coppia non vi pare?
Purtroppo non ci sono solo lati buoni nel carattere di Campanellino, la gelosia e la sete di vendetta finiscono per avere la meglio su di lei e quando va a spifferare il nascondiglio di Peter a Capitan Uncino il suo declino è immediato. La pensavo un esserino leale e devoto a Peter e questa mossa, all'epoca, mi ha lasciato molto amareggiata.
Ma può essere anche un insegnamento visto che poi si pente e rischia la vita per salvarlo.
Purtroppo non ho mai visto i film che sono usciti su Trilly quindi non posso aggiungere molto altro su questo personaggio perché non so davvero come l'hanno descritta e se l'hanno descritta diversamente dal cartone Disney.
Io sono molto affezionata alla prima versione in cui è davvero buffissima, specie quando si incastra nel cassetto e lì, la sua parte femminile inizia a porsi delle domande riguardo al proprio fisico rendendola una donna fatta e finita, seppure molto piccola, quale donna non si è mai posta il problema del fisico?!
Ricordo con affetto anche la Campanellino, impersonata da una bravissima Julia Roberts nel film, affiancata dal mio attore preferito Robbie Williams (Peter Pan), me l'ha sicuramente resa ancora più simpatica.
Mi dispiace solo che quando si pensa ai classici Disney, la piccola Trilly viene quasi sempre dimenticata, non essendo una principessa e avendo una parte piuttosto ristretta nel cartone.
Apprezzo inoltre il fatto che abbiano voluto dare anche a lei una storia e un suo angolo con i film che ne sono usciti ultimamente e che sicuramente fanno conoscere e amare molto di più la Campanellino di Peter Pan.
Mi scappa un po' da ridere mentre lo scrivo ma, se dovessi pensare di poter diventare una creatura magica, sarei davvero tentata di diventare una piccola fatina graziosa come lei però mora, anche se penso starei molto meglio formato vampira goth. :)
Non ho molti elementi di confronto perché non ho letto molti libri che parlino principalmente di fate , ma posso dire che appare molto diversa dal tipo di fate madrine descritte nella saga di Fairy Oak di Elisabetta Gnone.
Lì abbiamo Sefelicetusaraidircelovorrai e altre fate dai nomi impossibili da scrivere o leggere, fate che sono un po' come tate e protettrici delle streghe, che sanno combattere se serve ed essere d'aiuto con la loro saggezza e la loro lealtà nei riguardi dei “magici”, insomma danno l'idea di creature mature e materne.

Io però ho sempre pensato che le fate siano più simili a Trilly, dispettose, caparbie, a volte capricciose e graziosissime oltre che decisamente infantili.
Ma questo è il mio pensiero.

Il mio pensiero sul personaggio scelto da Carmelo:

Questa volta il dolce Carmelo ha deciso di darmi una mano e lasciarmi Trilly, visto che è l'unica fatina che conosco abbastanza bene, e lui ha scelto Daina, la piccola fatina degli animali.
Voi sapete che amo gli animali e quindi non può non piacermi questa creaturina vivace e allegra che viene descritta come un maschiaccio e dà l'idea di essere molto, molto buffa.
Inoltre è disegnata davvero bene e mi ha conquistata da subito nonostante non ne sappia molto non avendo visto i film.
E voi amici lettori che fatina preferite?

Bene amici lettori, il post è concluso, spero di avervi fatto conoscere un personaggio di cui sapevate poco.
Andate a leggere anche il post del mio collaboratore Carmelo di La libreria incantata.
Un bacione e ci leggiamo domani :)


4 commenti:

  1. Anche per me Trilli è decisamente il mio personaggio preferito di Peter Pan, è molto carina e soprattutto mi piace per questo suo carattere così peperino ♡
    Io ho visto alcuni dei film dedicati alle fate ma devo dire che per quanto Trilli mi sia comunque piaciuta preferisco decisamente quella originale! ^^

    RispondiElimina
  2. mi piace Trilly, sai che non ricorda la fata Daina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. é un personaggio conosciuto solo nei cartoni dedicati a Trilly :)

      Elimina