Elenco blog personale

mercoledì 6 luglio 2016

Doppia recensione.

Titolo: La notte in cui ci siamo ascoltati
Autore: Albert Espinosa
Prezzo: € 12,90
Genere: Introspettivo
Pagine: 172
Voto: 5


Trama:

Forse è un caso o forse no. La tua vita inizia ad assomigliare ad un film, e tu sei il protagonista. Sullo sfondo, l'Oceano, la musica, le notti caraibiche. Dentro di te, un paesaggio nuovo, un altro viaggio...
Dani sta per compiere 18 anni e parte con la scuola per la Repubblica Dominicana. Intuisce, anzi vuole che quel viaggio sia importante, ma ancora non sa perché. Forse è l'occasione giusta per farsi ammettere, finalmente, nel gruppo dei ragazzi più popolari e ammirati della scuola, capeggiati da David, il numero uno, l'irraggiungibile.

Recensione:

Mi aspettavo qualcosa di più da questo libro sinceramente.
Non so nemmeno io cosa pensarne ad essere onesti, l'ho terminato ieri e ancora non mi sono fatta un idea precisa.
Non l'ho trovato disgustoso ma nemmeno spettacolare, a dire il vero mi ha lasciata indifferente che, se andiamo a vedere tutto, è anche peggio.
Gli ho dato solo 5 appunto per questo.
La storia in se e per se non sarebbe male ma è raccontata in un modo abbastanza superficiale e breve, non ho capito bene ne i sentimenti, ne i pensieri del protagonista e ciò non mi piace. Mi ha creato una confusione madornale.
Il finale poi è stato troppo rapido a parer mio, nemmeno il tempo di capirci qualcosa che il libro era già concluso.
Peccato perché il tema è delicato e avrebbe reso benissimo se solo l'autore non avesse avuto tanta fretta.
Sicuramente è privo di contenuti e non mi ha preso affatto, non ne ho avuto il tempo.
Dani è un protagonista controverso, confuso, indeciso...non so come spiegarvi, a me ha solo incasinato la testa questo libro.
Per tutte queste ragioni non consiglierei La notte in cui ci siamo ascoltati a nessuno, se volete leggere qualcosa che parli di identità sessuali, confusioni adolescenziali e ricerca di se stessi vi indirizzerei verso altri libri più approfonditi.
Mi spiace bocciarlo così, avevo sentito parlare bene di Espinosa ma, davvero non riesco a fare altrimenti, sono troppo confusa.
Se lo avete letto anche voi fatemi sapere cosa ne pensate, ne sarei felice.

Le frasi più belle tratte dal libro:

Quanto male può fare una parola, una semplice parola.

Nessuno riusciva a sorprenderti, non ci riusciva nessuno, anticipavi gli avvenimenti, e un bel giorno tutto ti sorprende, tutto ti precede...
e semplicemente sono passati gli anni e il tuo posto nel mondo si è mosso; è cambiato.

Il problema di aver toccato la luna è che quando torni sulla terra niente è paragonabile alla luna.

La magia dei momenti, i momenti magici arrivano e se ne vanno, vanno via con il vento e ritornano con i ricordi.
La magia dei momenti, i momenti magici arrivano e se ne vanno, vanno via con i ricordi e ritornano con il vento.

Riordinare...quando sai che devi riordinare la tua camera e inizi a trovare pezzi tangibili della tua vita... frasi che non ricordavi di aver scritto... audiocassette che avevi registrato da piccolo...un numero di telefono senza nome segnato su un foglietto.


Perdere è difficile anche se perdi qualcosa di cui forse non avevi bisogno, che non era necessario, ma per il semplice fatto di essere tuo, del possesso, del sentire che hai qualcosa che quando se ne va lascia il vuoto, il vuoto totale.

Seconda recensione.

Titolo: Amici di letto
Autore: Gina L. Maxwell
Prezzo: € 9,90
Genere: Romantico/erotico
Pagine: 292
Voto: 6

Trama:

Dopo il fallimento del suo matrimonio, Lucie, una fisioterapista insicura e un po' goffa, è determinata a non perdere tempo e mettersi alla ricerca di “quello giusto” davvero: bello, in carriera, pronto a farsi una famiglia. Il suo collega Stephen, un brillante chirurgo, sarebbe il candidato ideale, peccato che non la degni nemmeno di uno sguardo. A darle una mano arriva Reid, pugile professionista in riabilitazione dopo un infortunio e migliore amico di suo fratello: in cambio delle cure di Lucie e di un posto letto sul suo divano, le offre consigli infallibili per conquistare il fascinoso dottore. Ma le “lezioni di seduzione” iniziano a trasformarsi in appuntamenti sempre più ambigui, fino a che l'attrazione tra i due passa dalle parole ai fatti, coinvolgendo Reid e Lucie in giochi erotici sempre più passionali. E quando c'è feeling tra le lenzuola è difficile fermarsi.

Recensione:

Avevo voglia di una lettura leggermente diversa dal solito ed ho puntato su Amici di letto.
Mi aspettavo una storia leggera e divertente ma, in realtà non è stata poi così divertente.
Non è malaccio la trama e lo sviluppo della storia è abbastanza coinvolgente ma, a me, non ha lasciato nulla, nemmeno il ricordo.
Penso proprio che fra qualche settimana non ricorderò nulla di questo libro.
Lo stile dell'autrice è scorrevole ma sinceramente i personaggi non mi sono piaciuti un granché, li ho trovati banali e senza particolarità.
Lucie è una donna molto insicura, cosa in cui mi ritrovo talvolta, ma l'ho trovata esageratamente debole.
Reid poi non mi ha conquistata per niente.
A dire il vero mi sono indifferenti e penso sia molto peggio che odiarli, perché di loro non mi è arrivato nulla.
So che ci sono altri due volumi componenti la serie Fighting for love: Nemici di letto e Vicini di letto.
Non penso che li acquisterò ma mai dire mai ragazzi.
Sinceramente non lo consiglierei perché è stata una lettura “vuota”, troppo leggera ma, i lettori che amano un pizzico di peperoncino oltre alla dolcezza, potrebbero apprezzarla.
Non è sicuramente una lettura impegnativa e va via come il pane anche se a me è durata fin troppo, colpa del caldo e della pigrizia che mi ha attaccata in questi giorni.
L'ho terminato con sollievo e non lo rileggerò mai più questo è certo.
Termino la recensione perché davvero non saprei cos'altro dirvi a riguardo visto che mi è rimasto un vuoto nel cervello che mi impedisce di ricordare alcunché.

Le frasi più belle tratte dal libro:

“Vedo una donna splendida, paralizzata da un'insicurezza ingiustificata.”

Non partecipava a ciò che le accadeva, si limitava a reagire. Quando qualcuno le parlava, rispondeva. Quando le veniva offerto qualcosa, lo accettava. Ma, quando nessuno interagiva con lei, sembrava vivere nel suo mondo. Per qualche oscura ragione, Lucie si comportava come se non volesse disturbare in alcun modo le persone che la circondavano.

“è tutto quello che ami a renderti ciò che sei. Puoi essere quello che vuoi”

È possibile individuare l'istante esatto in cui qualcuno ti ruba il cuore?

“Chiunque può sconfiggere il proprio avversario se ci mette il cuore.”

Con questo lettori è tutto, spero che le due recensioni vi siano piaciute e vi abbiano interessato e non annoiato.
Ci vediamo domani con un nuovo post.


Nessun commento:

Posta un commento