Elenco blog personale

mercoledì 8 febbraio 2017

Recensione La saga del Dominio + Fuga dal Paese delle meraviglie.


Titolo: Le lame di Myra
Autore: Licia Troisi
Serie: La saga del Dominio
Prezzo: 19,00
Genere: Fantasy
Pagine: 382
Casa editrice: Mondadori
Voto: 10

Trama:


Un nuovo mondo. Una nuova eroina. Una nuova sfida. Licia Troisi rinnova la magia del Mondo Emerso in una saga dove cruente battaglie e terre affascinanti e misteriose si uniscono in un capolavoro del fantasy moderno. Myra, capelli bianchi e occhi rossi, è stata orfana e schiava. Adesso è la più giovane e potente guerriera al servizio di Acrab il Conquistatore, che vuole unificare il Dominio sotto il suo controllo. Perché Myra sogna un mondo più giusto, senza la schiavitù degli uomini e delle creature magiche, gli elementali, usati dai maghi per i loro incantesimi. Ma Myra ha anche un mistero da risolvere, quello legato alla morte del padre, ucciso dieci anni prima dagli aggressori mascherati che l'hanno poi venduta per essere uccisa dai gladiatori nelle arene. Per lei il passato è una ferita aperta, e non potrà mai guarire fino a quando anche l'ultimo degli assassini non sarà caduto sotto i colpi dei pugnali scarlatti che usa come arma. Per questo parte per un lungo viaggio attraverso il Dominio, alla ricerca di risposte, ma quelle che troverà metteranno in discussione tutto quello in cui crede.

Recensione:

video


Frasi tratte dal libro:

Io sarò sempre al tuo fianco perché ti appartengo.

Lei gli aveva raccontato tutto di sé, il bene e il male, il buio e la luce. Tutto.

Il passato è un animale subdolo: a volte poteva sembrare addomesticato e si rintanava in un angolo della sua mente. In realtà, aspettava solo un momento di debolezza per attaccarla con più ferocia.

Il suo cervello era l'arma più potente che avesse a disposizione e non lo tradiva mai.

Prima si muore nel cuore e nella mente, poi nel corpo.

In certi momenti era difficile convivere con se stessa.

Si può essere liberi anche in catene. La libertà non è una cosa che ti dà qualcuno, o uno stato di natura. È una conquista.

Devi trovarla da solo la tua strada. Io posso solo indirizzarti sul cammino, ma il percorso è tuo.

Non conta quel che credi ma quel che è.

Pensò a tutta la strada che aveva fatto, tutto il resto le sembrò nulla, una stupida frase in un lungo discorso, un'ora appena di una lunga vita.

Nei loro sguardi c'era l'affetto più grande e il rimpianto più irrimediabile.

Te l'hanno mai detto che il tuo buon cuore ti porterà alla tomba?”
Preferisco morire e avercelo, un cuore, piuttosto che vivere senza.”

Per quanti anni fossero passati, una parte di lei era ancora bloccata là.

Era un guerriero, non poteva arrendersi così. Allora reagì.




Titolo: Fuga dal Paese delle meraviglie
Autore: Elisa Puricelli Guerra
Prezzo: 16,00
Genere: Fantasy/retelling
Pagine: 278
Casa editrice: Piemme Il Battello a Vapore
Voto: 8

Trama:

La futura Regina ha tredici anni e il destino segnato: sposare il suo cinquantunesimo pretendente e regnare sul Paese delle Meraviglie. Tra le mura soffocanti del palazzo, però, la ragazza prova una strana nostalgia per qualcosa che non sa definire. Appena può, si rifugia in biblioteca e legge di mondi lontani e avventure mirabolanti. Proprio grazie a un libro fa una scoperta che cambierà la sua vita: il Tempo è un uomo e può disporre del destino di ogni persona. Pare sia meglio non disturbarlo, ma lei ormai ha deciso di scappare e di trovarlo per convincerlo a fermare le lancette, in modo da non diventare mai la Regina di Cuori.
Recensione:

Il Paese delle meraviglie mi ha sempre affascinato sin da piccola, quando ho letto per la prima volta Alice nel Paese delle meraviglie sono rimasta così meravigliata (bel gioco di parole lo so) che non ho potuto fare a meno di acquistare varie edizioni dello stesso libro.
Ovviamente sono andata avanti leggendo anche Alice attraverso lo specchio, che però ho amato un pochino meno.
Ho guardato anche i film e il cartone della Disney finendo per amare anche loro , insomma si può dire che io sia una vera fan del mondo di Alice.
Per questo quando ho visto questo libro, che percorre appunto la vita della Regina Rossa, non ho potuto fare a meno di incuriosirmi.
Mi sono chiesta se mi sarebbe piaciuto saperne di più su questo “orribile” personaggio...e potete ben immaginare la risposta: assolutamente si!
Inoltre non conoscevo Elisa Puricelli Guerra come scrittrice, non avevo mai letto nulla di suo ed ero fortemente interessata a conoscerla, anche questo ha fatto la sua parte nel convincermi a leggere Fuga dal Paese delle meraviglie.
Fin dalla prima pagina sono stata catapultata a corte con un sacco di personaggi già visti e altri ancora da conoscere, alcuni diversi da come li conoscevo.
Ed è esattamente qui che ho “incontrato” la perfida Regina Rossa che ancora non era quel che è ora, mi sono ritrovata dinanzi ad una ragazzina ribelle e temeraria alla quale la vita di corte sta alquanto stretta.
E devo ammettere che mi è piaciuta da subito, mi sono immedesimata molto nella sua voglia di libertà, nel non voler per forza percorrere la stessa strada dei genitori. Ho capito veramente come dovesse sentirsi questa ragazzina sola e oppressa da un “sistema” che non le dava scelta.
Insomma sono rimasta incollata alle pagine di questo libro, leggendo una pagina dopo l'altra con il fiato sospeso, ho anche rincontrato il mitico Stregatto che qui però è un po' strano e diverso da quello che ho conosciuto nel cartone Disney e devo ammettere che non mi è piaciuto più di tanto.
Però ho adorato il Cavaliere Bianco, buffo e imbranato cavaliere che dovrebbe proteggere la futura regina ma che invece ne combina di tutti i colori, mi fa morire la sua vasta gamma di modi per chiamare la Regina Rossa! Spettacolare davvero.
Altro personaggio che ho amato, più della protagonista stessa, è Dulcamara, un'abile ladruncola che si unirà alla regina e al cavaliere e che, insieme a loro, scoprirà la vera amicizia.
Questo libro è un susseguirsi di avventure, pericoli, tranelli, consigli, tradimenti, fughe rocambolesche, atti di coraggio e forza, e cose davvero dell'altro mondo (vogliamo parlare della famosa ora del the del Cappellaio Matto).
Un libro davvero coinvolgente e sorprendente che vi farà cambiare idea su un personaggio davvero ostile visto da fuori ma che, visto da un altra prospettiva, vi conquisterà ve lo assicuro.
Un altra cosa che ho trovato molto particolare è il fatto che ci sia un narratore esterno, ma anche interno alla storia, che racconta, proprio come se qualcuno ci stesse raccontando una fiaba o un ricordo.
Altra cosa poi sono i disegni ad ogni inizio capitolo, adoro queste cose!
Insomma tirando le somme Fuga dal Paese delle meraviglie è un libro meraviglioso consigliatissimo per lettori giovani ma anche per chi, come me, ha ancora voglia di credere nell'impossibile! :-)

Le frasi tratte dal libro:

Si può sempre scegliere. Nella vita ciascuno è libero fino all'ultimo secondo, dipende da te, è tutto nelle tue mani.

L'amicizia poteva essere fragile come il cristallo.

Forse lo scopo delle avventure è proprio imparare a decidere con la propria testa. Scegliere.

Era unica e indossava la sua diversità con fierezza, a testa alta.

Al pensiero di quello che stava perdendo sentiva il cuore indurirsi piano piano. Il cuore, per non morire, deve essere protetto e lei gli stava costruendo intorno una corazza.

Siete mai state tentate di infilare la testa nella cavità di un albero per vedere se c'è qualcosa?
Avete mai sentito un fruscio quando tutt'intorno non si muove niente?
Vi siete mai chieste cosa c'è dietro alle porte di cui non si trova la chiave?
E cosa vuol dire quando gli specchi si appannano, anche se nessuno ci passa davanti?
E tutte le cose che spariscono e non si trovano più, dove vanno?
E i rumori nel buio chi li fa?
E una screpolatura nell'aria l'avete mai vista? Io si.
C'è un mondo che serpeggia accanto a questo e che batte piano piano alla porta. Certe volte trova il modo di passare da questa parte.  

4 commenti:

  1. Ci sono stati dei momenti nella mia vita in cui, anche io, ho desiderato che il tempo si fermasse...
    Fuga del paese delle meraviglie mi ispira moltissimo!
    Un bacio e buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Consigliatissimo!
      è davvero una storia che ti fa conoscere la regina rossa sotto un altro aspetto.
      Bacioni!

      Elimina
  2. Ola :),
    Carina la video recensione :), devo ancora leggere dominio :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :-) Sono un po' una frana a parlare ma ci sto lavorando...
      devi assolutamente leggerlo, sono sicura che amerai questo libro.
      :)

      Elimina