Elenco blog personale

giovedì 2 gennaio 2020

Recensione Racconti di Natale.


Immagine correlataTitolo: Racconti di Natale
Autore: Dickens
Genere: Raccolta di racconti
Pagine: 343
Casa editrice:
Prezzo: € 9,90
Voto: ❤❤❤

Recensione:
Era da tantissimo tempo che volevo leggere questa raccolta di racconti, fra tutti l’unico che conoscevo è Il canto di Natale, racconto che amo moltissimo.
Degli altri 4 sinceramente non sapevo nemmeno il titolo ma sono felice di averli recuperati perché mi sono piaciuti più o meno tutti.
La fantasia cupa di Dickens mi piace un sacco perché è assolutamente nelle mie corde, la cosa che mi sorprende sempre è quanto l’autore sia bravo a mischiare il brivido con la più grande dolcezza e profondità, una cosa davvero particolare che non riesco a trovare in nessun altro autore.
Posso dire quindi che Dickens sia uno dei miei autori preferiti, per quanto riguarda i classici, lo dico un po’ avventatamente visto che mi mancano ancora diversi libri da lui scritti e, per avere un quadro più completo, bisognerebbe leggerli tutti.
Concentrandomi su questo singolo libro ammetto che ci sono racconti che mi sono piaciuti più di altri, ad esempio Le campane e Il grillo del focolare sono stati i miei preferiti (se non parliamo di Il canto di Natale che li supera tutti).
È curioso come in ogni suo racconto vi sia un fantasma, ed è proprio questa la cosa che mi affascina, sono particolarmente sensibile a questo argomento, i fantasmi sono le creature sovrannaturali che amo di più per cui amo leggere storie, libri in cui sono protagonisti.
Si può dire che questo libro unisca le mie due passioni: il Natale e i fantasmi però, sebbene siano tutti racconti ambientati in questo periodo, non mi sono sembrati poi così natalizi, se si esclude Il canto di Natale e ciò un po’ mi è dispiaciuto, lo ammetto.
Nonostante tutto ribadisco il mio amore per questo autore e il suo stile di scrittura, oltre che la sua fantasia eccentrica.
Senz’altro voglio recuperare qualche suo altro libro e provare a leggere qualcosa che non sia natalizio, per vedere come scrive in altri contesti e magari allontanandomi anche dal fantasy.
Sicuramente cosiglio a chi ama il genere e i classici di recuperare questa raccolta di racconti perché queste piccole chicche non possono proprio mancare nella vostra libreria.
Sono felice che questo libro mi abbia tenuto compagnia in questi ultimi giorni del 2019.

2 commenti:

  1. Ultimamente sto recuperando molti libri di questo autore, per ora amo molto il Canto di Natale, è il suo libro che amo di più

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io amo molto Il canto di Natale che, fin ora, non ha nessun rivale. Fammi sapere se ne trovi qualcuno migliore perché sono curiosa di leggere qualcos'altro.
      Bacioni

      Elimina