Elenco blog personale

venerdì 22 giugno 2018

5 cose che...


5 libri che ho conosciuto grazie al film

1) Dragon Trainer
Adoro questa serie di film e non vedo l'ora che esca finalmente il nuovo film.
Non sapevo che esistesse il libro e l'ho scoperto solo di recente, inutile dire che prima o poi lo devo leggere perché sono curiosa.

2) Tre metri sopra il cielo
Ho visto prima il film stranamente e solo dopo ne ho letto anche il libro.
Nonostante non sia un amante di questo genere, ho finito con l'apprezzarlo. Ho letto e visto anche Ho voglia di te ma non leggerò mai Tre volte te perché è una grandissima delusione da quel che mi è stato raccontato.

3) Stand by me
Ignoravo che esistesse un racconto di King sul quale si basava questa storia, quando l'ho saputo non ho potuto far altro che acquistare il libro Stagioni diverse che devo ancora leggere. Adoro questo film che è uno dei miei preferiti.

4) I passi dell'amore
Sparks da vita a storie che strappano il cuore e I passi dell'amore è uno di quelli.
Ho visto il film ma non ho mai letto il libro e prima o poi rimedierò.

5) Hachiko
Dopo il successo del film non ho potuto non leggere anche il libro.
Mi ha strappato il cuore senza più ridarmelo indietro.

Bene amici, queste erano le mie 5 scelte ;) Fatemi sapere quali sono invece le vostre.
Bacioni dalla vostra Cry.

giovedì 21 giugno 2018

Recensione Il segreto della sorgente.


Titolo: Il segreto della sorgente
Serie: I rami del tempo #3
Autore: Luca Rossi
Casa editrice: Autopubblicato
Prezzo: € 10,00
Genere: Distopico/fantascienza
Pagine: 229
Voto: 7/10


Trama:

Sono in molti a credere che lei sia quella giusta, l’Erede della Luce, colei che, in un universo dominato dalla scienza e dalla tecnologia del Presidente Molov, risveglierà la parte più profonda degli individui. Ne è convinta la sua compagna Miril, hanno fede in lei la mutante Ipsia e il Maestro Elor e soprattutto gli abitanti delle Terre Libere di Vaior, l’ultimo baluardo di vera libertà. Ma a non credere in sé stessa è proprio Lil, distrutta dai sensi di colpa per la scomparsa del suo mondo e incapace di fare i conti con un destino che le ha già portato via quasi tutto.
Eppure per Lil non c’è più tempo. Nelle Terre Libere nulla è come appare. Valika, sua futura guida spirituale, è la prima ad aver rinnegato gli ideali più puri e il fanatismo delle vestali del Santuario, unito alla brama senza fine di beni materiali, minaccia lo scoppio di una guerra fratricida.
L’unica soluzione è raggiungere la Sorgente di cui parla un’antica Profezia. Ma a sbarrar la strada a Lil è il peggiore dei pericoli nei quali possa imbattersi un essere vivente, la negazione stessa della vita. E proprio coloro di cui ha più bisogno saranno i primi a tradirla.



Recensione:

Pur non essendo un'amante di navi spaziali, avventure intergalattiche, robot e congegni ultratecnologici avanzati, sono riuscita ad apprezzare questo libro, grazie alla bravura dell'autore Luca Rossi.
Sebbene abbia trovato interessanti i volumi precedenti (I rami del tempo e L'erede della luce) mi sono appassionata sopratutto a questo 3° volume.
Forse per il fatto che finalmente i nodi vengono al pettine e la storia si conclude (ma sarà davvero l'ultimo volume???).
Nel corso della serie mi sono fatta affascinare dai vari personaggi ma non mi sono mai immedesimata nella protagonista Lil, l'hp trovata anzi una protagonista piuttosto sciatta e priva di interesse nonostante sia chiaramente il punto chiave della storia, non ci sono entrata in sintonia.
Nemmeno in Miril, la compagna di Lil e sacerdotessa grazie alla quale la storia subisce una svolta importante.
Mi sono però affezionata ad Aleia, la rossa sovrana, una donna forte e intelligente che ha riscosso molto successo per quanto mi riguarda e che ho ammirato per la profonda libertà e sfacciataggine.
Gradita anche la mutante Ipsia ed il compagno Bascos che arrivano a sacrificare molto per il bene dell'universo.
Ilis è uno degli altri personaggi che mi sono entrati nel cuore e sinceramente mi ha deluso il destino che l'autore gli ha donato, ma in fondo non si può ottenere tutto, in ogni buon finale c'è sempre un velo di dolore e malinconia.
Sicuramente l'autore ha saputo dare spicco e caratteristiche particolari ad ogni personaggio, rendendo affascinante persino Molov, il cattivo di turno, spietato ed egoista ma che comunque riesce a riscattarsi ad un certo punto, mi è stato quindi impossibile odiarlo del tutto.
Ripeto, sebbene non sia il mio genere, ho apprezzato molto questa storia, adrenalinica, spirituale, un filo complicata ma tanto appassionante.
Il finale poi è stato davvero degno di nota, ovviamente non ve lo posso raccontare ma vi assicuro che è ottimo.
Insomma amici lettori, I rami del tempo è una serie per gli amanti della fantascienza e vi trasporterà in un'avventura a bordo di navi spaziali, popolata di sacerdotesse potenti e promisque, da re e regine con l'ambizione del potere assoluto, da cloni e mutanti...insomma c'è di tutto ed è magistralmente amalgamato per dare vita ad una storia appassionante.

mercoledì 20 giugno 2018

Parentesi fumettistica- parliamo di Dylan Dog.



Mezzanotte di fuoco:
In questa storia il povero Dylan si sottopone ad una seduta spiritica finendo però in un mondo parallelo, precisamente nel 2027.
Purtroppo per lui questo è un mondo abitato solo da morti...non una situazione facile per un vivo in terra di morti.
Per fortuna l'incontro con un rude pistolero di nome Sisco gli facilita il ritorno nel proprio mondo, ma vi assicuro che per tornare ne dovrà affrontare davvero di tutti i colori, lottando al fianco del pistolero contro una banda di pazzi che gli vogliono fare la pelle proprio perché è vivo e vuole tornare nel proprio mondo.
Inutile dire che anche qui Dylan trova una bella ragazza: Celina.
Una storia carina ma che non mi ha entusiasmato più di tanto.
Affascinante il personaggio di Sisco, rude, ironico e spietato ma che nasconde un lato buono a fine storia.

Svegliarsi ieri:
Questa storia invece mi è piaciuta tantissimo.
La protagonista è Celia, che stranamente ruba la scena al bel Dylan, una donna davvero isterica e alquanto insopportabile se devo essere sincera.
L'idea però è molto originale perché Celia si ritrova a retrocedere, giorno per giorno nel passato.
Praticamente si sveglia ogni giorno in un periodo diverso del passato fino ad arrivare all'era dei dinosauri.
Rimasta sola e disperata non fa che passare le giornate a cercare Dylan, con cui nel frattempo ha intessuto una breve relazione, senza pensare che quello che incontra è il Dylan del passato e che quindi il loro incontro non è mai avvenuto.
In realtà il fattore scatenante dei viaggi nel passato di Celia è una sveglia difettosa che, ad una certa ora, porta chiunque sia nelle vicinanze nel passato.
Peccato che a fine storia Celia non si ricordi assolutamente dell'indagatore dell'incubo e lo mandi direttamente a quel paese.

altre storie:
Questa è una raccolta di storie brevi ma comunque carine:

- Cuore di mamma
Una donna severa e col pollice verde, un paio di vicine gelosissime delle sue belle rose e un figlio che, una volta deceduta la madre riesce comunque a mantenere quel roseto spettacolare destando più di un sospetto.
Dylan scopre che il figlio in realtà ha piantato nel terreno il cuore della madre facendo si che l'essenza della donna diventasse così parte del diabolico roseto.
Una storia dai toni davvero inquietanti che ho letto molto volentieri.
-Romeo e Giulietta devono morire!
Che succede quando Dylan è chiamato a risolvere un caso di zombie vaganti in Italia?
Beh non può far altro che recarvisi e cercare di venire a capo del problema.
In realtà si tratta di un ragazzo che ogni notte si “risveglia” per passare del tempo con la sua amata in puro stile Romeo e Giulietta, infatti le famiglie non hanno mai visto di buon occhio il loro amore ed il padre della ragazza è arrivato ad uccidere il giovane innamorato per impedirgli di sposare la figlia.
Peccato che, dopo la morte del ragazzo, lei stessa si sia tolta la vita.
E da quel giorno l'amato esce dalla tomba per depositare un fiore sulla tomba della ragazza il cui spirito gli appare.
Un amore eterno che solo Dylan può salvare: uccidendo definitivamente lo zombie, lo spirito del ragazzo potrà riunirsi finalmente con l'amata e trovare la pace.
Una storia molto breve ma intensa che ho amato, anche per il fatto che l'Italia viene citata e rappresentata con la bellissima storia di Romeo e Giulietta.
-La camera blindata
Una camera blindata invasa dai Gremlins? Ok, l'idea non è malaccio ma non mi è piaciuta questa storia che ho trovato priva di senso nonostante i Gremlins mi siano sempre piaciuti.
-La rapina
Quando si parla di gemelli sono sempre affascinata e qui le protagoniste, sono due gemelle Josephine e Evelyn, una viva e l'altra morta...bello vero???
Sono le storie che preferisco quelle con i fantasmi!
Dylan si ritrova a conoscere Josephine durante una rapina, la ragazza viene presa in ostaggio ma Dylan non sa che in realtà si tratta di una complice dei rapitori.
Messosi in salvo il bell'indagatore dell'incubo incontra Evelyn, che si dice sicura di sapere dove la sorella si trovi grazie al fatto di essere in simbiosi con lei.
Le due erano gemelle siamesi e quando hanno subito l'operazione per dividere i loro corpi solo Josephine è sopravvissuta.
Grazie allo spirito di Evelyn, Josephine viene arrestata. Una storia avvincente perché si scopre solo alla fine che la gemella è in realtà uno spirito.

Rosso come il sole, caldo come il piombo:
Dylan torna dall'amico Sisco e con lui vive una rocambolesca avventura per riportare indietro Olyver e il suo prezioso tesoro. Non mi è piaciuta questa storia sebbene Sisco sia sempre divertente come personaggio.

Il silenzio del lupo:
Ho adorato molto questa storia decisamente diversa dalle altre, qui non vi è nemmeno parola, la storia si dipana seguendo le vignette ed è bellissima.
L'ho trovata originale, d'impatto e incredibilmente chiara nonostante non vi sia una sola parola che descriva la storia.
I disegni poi sono meravigliosi.
Si parla di un bambino che, dopo essere stato morso da un lupo morente, ne ha ereditato la maledizione sebbene non sia proprio un lupo mannaro. È una specie di rivisitazione di Moogly a mio parere, infatti nel finale il bambino uccide i genitori e scappa con gli amici lupi. Dylan ha una piccola parte e serve quasi soltanto a difendere i lupi che cercano solo di difendere il bambino.

L'uomo e la bestia:
Anche questa è stata una delle mie storie preferite.
Qui Dylan viene ingaggiato da un ricco lord per “tenerlo a bada” nella notte di plenilunio...dove il lord diventa decisamente animalesco.
A fare da contorno ci sono personaggi intriganti come la bella e giovane moglie del lord (che non si lascia scappare nemmeno un'occasione per provarci spudoratamente con Dylan) e un maggiordomo bonario ma che nasconde un tremendo segreto.
Chi ne uscirà vivo?
Praticamente solo Dylan...e la “brava” mogliettina del lord.

In fuga:
MMM questa storia non mi ha convinto più di tanto.
Sembra una rivisitazione di Non aprite quella porta o Jack lo squartatore in cui un omaccione, che dovrebbe essere morto e sepolto, torna a mietere vittime.
Sarà compito di Dylan e di una vulcanica donna che afferma di essere il diavolo, riportare l'assassino negli inferi.

Il lago nero:
Vi dice niente una bambina, una presunta amica immaginaria, una mamma preoccupata, acqua ovunque e un mistero da svelare?
Ok, spiego tutto perché questa storia mi è piaciuta tantissimo:
una donna chiede aiuto a Dylan affinché scacci la presunta amica immaginaria della figlia, senza sapere che in realtà l'amica immaginaria, tanto immaginaria non è.
Si tratta di uno spirito malvagio che cerca vendetta per essere stata uccisa e nascosta in fondo al lago dal marito.
Purtroppo Dylan non riesce a salvare la bambina che muore per mano dello spirito.

Per amore del diavolo:
Una storia che ha per protagonista una donna, una specie di mentalista, che si impossessa della mente umana altrui.
Per avere tutto questo potere la donna ha chiesto aiuto ad un demone che, successivamente si è innamorato di lei.
Alla fine la crudele donna verrà uccisa dal demone stesso.
Non mi ha interessata più di tanto questa storia che ho trovato noiosa.

Messaggi da uno sconosciuto:
In questa storia il Dylan bambino del passato entra in contatto con il Dylan presente e adulto per mezzo di lettere in cui gli racconta alcuni accadimenti futuri.
In realtà si scopre che il Dylan bambino ha trascritto in un diario tutti i suoi incubi e lo ha mandato al Dylan del futuro senza saperlo, permettendogli così di fermare una pazza che ucciderà un sacco di persone.
È una storia un po' complicata da capire ma piuttosto originale.

La notte delle stelle cadenti:
Questa è decisamente più interessante.
Durante la notte delle stelle cadenti alcune persone si sostituiscono ad altre entrando gli uni nei corpi degli altri.
C'è chi ne è felice e chi invece ne esce morto, come l'uomo che viene scambiato con il corpo di un noto serial killer e non ha nessun modo per scagionarsi.
Alla fine si impiccherà nella sua cella senza che Dylan possa aiutarlo.

Ritorno di fiamma:
Una storia che mi ha appassionata come poche.
Qui Dylan e il caro amico Bloch si ritrovano ad essere innamorati della stessa donna che, prima si fidanza con Dylan, per poi scaricarlo non appena incontra Bloch.
In realtà fra la donna e Bloch esiste un passato tormentato.
Da giovane il commissario ha avuto una storia importante con la donna in questione per poi lasciarla senza un motivo preciso.
La donna impazzì e, durante un rito si dà fuoco davanti agli occhi dell'uomo.
Sebbene Bloch sappia che non può essere proprio lei finisce per credere che sia tornata dall'aldilà per lui.
Alla fine si scopre che la donna è in realtà la figlia, vogliosa di rendere giustizia alla madre uccidendo Bloch. La storia lascia quindi un grosso interrogativo: la giovane era figlia di Bloch?
Pare di si.
Mi è anche piaciuta per il fatto che la solida amicizia tra Bloch e Dylan (quasi un rapporto tra padre e figlio) abbia uno scossone brusco ma, alla fine, ne esca ancor più solida di prima.

Oltre i confini della realtà:
Questa è una storia molto ma molto ma molto lunga e parecchio intrecciata.
La storia inizia con la cattura di un efferato killer, il quale riesce a sviare il processo grazie anche al fatto che Bloch non riesce ad ucciderlo preferendo fargli scontare la pena in galera...ma si sa che le persone potenti e ricche la fanno sempre franca e il ragazzo viene scagionato e rinchiuso in una clinica psichiatrica.
Lo scenario si riapre con l'ultimo giorno lavorativo del commissario Bloch, prima di andare finalmente in pensione.
Tutto bellissimo finché quest'ultimo non viene ucciso da un rapinatore.
Dylan è distrutto ma una vecchia “amica” è pronta ad aiutarlo...o ad ingannarlo se vogliamo.
La Morte si presenta a Dylan che stringe un patto con lei: la vita di Bloch in cambio della sua.
Il tempo torna quindi indietro e Dylan riesce a salvarlo morendo a sua volta investito da un'auto.
E qui la storia diventa complicata perché Dylan si ritrova ad aggirarsi nell'aldilà, incapace di dimenticare chi sia stato quando era in vita e cercando un modo per scappare.
I defunti lo aiutano finché non viene purtroppo catturato e costretto a dimenticare tutto (almeno in parte però perché si sa che l'old boy ha sempre un asso nella manica).
Dopo mille problemi riesce a scoprire che in realtà La Morte ha stipulato ben due patti, e che mettendosi al posto di Bloch, Dylan ne è diventato una vittima.
Quindi ci troviamo con Dylan bloccato nell'aldilà ma incapace di tornare tra i vivi, e il killer sulla terra incapace di morire nonostante il suo corpo ormai sia ad un passo dal farlo.
Per fortuna grazie ad una specie di dimensione parallela raggiunta durante la fase Rem, Dylan incontra Bloch e gli racconta la storia.
Il tempo torna ancora indietro e, questa volta, Bloch uccide il killer facendo tornare tutto alla normalità e salvando sia se stesso che Dylan.
Mi è davvero piaciuta molto questa storia che, sebbene lunghissima rispetto alle altre, è stata interessante e adrenalinica.

Bene amici lettori, spero che questo post dedicato ai fumetti di Dylan Dog sia stato di vostro gradimento, fatemi sapere se ne volete altri oppure no.
Ora vi saluto augurandovi un buon proseguimento di serata.
Bacioni!

martedì 19 giugno 2018

Top & flop.


Ciao a tutti amici lettori, come state? Oggi abbiamo una nuova puntata della rubrica Top&Flop in collaborazione con la frizzante Chiara in Bookland.

L'argomento di oggi è: 5 coppie top di serie tv e 5 coppie flop.
Siete pronti?
Buona lettura.
5 coppie top


1) Tate e Violet (American horror story - Murder hause)Immagine correlata
Ho scoperto da poco questa serie tv ma me ne sono innamorata perdutamente essendo proprio il mio genere.
Dal titolo potete ben capire che si tratta di una serie tv dai toni piuttosto horror dove lo splatter non si risparmia.
Mi sono quindi affezionata alla coppia Tate/Violet, adoro questi personaggi e anche le loro caratteristiche (il fatto che Tate sia un pazzo omicida e che sia anche morto non fa che aumentare il suo fascino). Inoltre mi sono presa una cotta per l'attore che interpreta Tate e quindi sono decisamente di parte.
Ma, a parte questo, ho apprezzato la dolcezza che li lega e il sostegno che si danno l'uno con l'altro.


2) Dawson e Joy (Dawson's Creek)Immagine correlata
La mia personale idea dell'amore è nata anche grazie a Dawson's Creek, lo ammetto e senza vergogna.
Sono una di quelle persone che credono all'amore vero, al destino che mette le persone l'una sulla strada dell'altra, alle coincidenze, ai ritorni (anche dopo anni di distanza), credo fortemente in quel famoso filo che ci lega alla nostra anima gemella. Badate bene, è l'unica volta in cui mi sentirete parlare di cose smielate e romantiche quindi non abituatevi ;)
Mi ha colpito il fatto che Dawson e Joy si siano legati dal primo momento in cui si sono visti, e mi torna in mente una frase di Dawson che mi porto nel cuore ancora adesso: “Per ogni Dawson c'è una Joy e per ogni Joy c'è un Dawson.”
Peccato che mi sono guardata tutte le stagioni, struggendomi per le loro pene, consumando interi pacchi di fazzoletti, incazzandomi come un mandrillo ogni volta che arrivava il terzo incomodo di turno, nella speranza di vedere un lieto fine e invece...Joy si mette con Pacey! Ma dico io: “Tutta la storia basata sull'amore eterno fra Dawson e Joy, e poi me lo fai finire così???” eh no, questa non mi andrà mai giù, mai!


3) Squib e Cody (15/love)
Risultati immagini per cody e squib
Non molti conoscono 15/love, era una serie tv sul tennis ed io mi sono appassionata tantissimo.
La mia coppia preferita era quella formata dal simpaticissimo e pasticcione Squib e dalla passionaria e rossissima Cody.
Questa coppia mi faceva morire dal ridere ed è per questo che si è conquistata la mia simpatia.


4) Francesca e Maxwell (La tata)Immagine correlata
Ok, ora ve lo confesso: Francesca Cacace è il mio idolo!
Chi non ama la simpatia, la veracità e la spontaneità di Francesca?
La sua storia con quell'affascinante e ricchissimo ometto chiamato Maxwell mi ha divertita e fatta appassionare così tanto che non mi perdevo nemmeno una puntata.
Forse è un po' un cliché quello della tata/cameriera che riesce a far innamorare e farsi sposare dal capo/riccone di turno, ma la simpatia con la quale viene proposto il tutto non può che renderlo assolutamente esilarante e appassionante.


5) Leo e Piper (Streghe)
Risultati immagini per leo e piper
Un altro eterno amore che lega la magica Piper all'angelico Leo in una delle serie tv più amate di tutti i tempi.
Hanno conquistato anche me che li ho seguiti con l'ansia e il tormento dalla prima fino all'ultima stagione.
Inutile dire che ho amato da morire il finale che li vede ancora insieme ed innamorati come il primo giorno.


6) Tremotino e Belle (Once upon a time)Risultati immagini per tremotino e belle
Si, lo so, io tifo sempre per gli amori tormentati, per cui se due personaggi faticano a mettersi assieme, se il mondo cospira per separarli e le forza del male si mettono all'opera per fare il peggio del peggio del peggio, beh, quella coppia finisce per diventare la mia preferita!
Come potevo quindi non adorare l'amore impossibile fra Tremotino e Belle?
Meravigliosi.


7) Jim e Melinda (Ghost whisperer)
Immagine correlata
Questi due sono davvero dolcissimi e mi fanno pensare alla bellezza delle coppie tradizionali, quelle dove la moglie cucina, pulisce casa e coccola il proprio uomo, e il marito protegge e ama la moglie oltre a riparare praticamente ogni cosa in casa. Sono troppo dolci e carinissimi.


5 coppie flop


1) Dylan e Kelly (Beverly Hills 90210)Risultati immagini per dylan e kelly
Solo a pensarci mi sale il nervoso.
Io odio questa coppia, con tutta me stessa.
Kelly è un'oca e Dylan un cretino (ma lo diventa solo dopo aver mollato Brenda).


2) Kilian e Emma (Once upon a time)Risultati immagini per emma e killian
Adoro Kilian che è uno dei miei personaggi preferiti ma detesto Emma e detesto il fatto che gli autori della serie li abbiano accoppiati.
Ma dico io, con tutte le donne strepitose che c'erano, proprio con lei dovevano metterlo?
No, no no...


3) Brooke e Ridge (Beautiful)
Risultati immagini per brooke e ridge
Io odio Beautiful, con ogni fibra del mio essere e ancor di più queste due pietre tombali che hanno messo come protagonisti e che da decenni rompono le palle con le loro paturnie, i loro tradimenti e le loro riconciliazioni. Pardon per chi ama questa soap ma proprio non ne posso più :(


4) Jimmy e Maggie (American horror story- Freak show)Immagine correlata
Amo la serie tv e ho amato il personaggio di Jimmy (potevo forse odiarlo?) ma ho preso in antipatia Maggie, e anche l'attrice che la interpreta quindi questa coppia proprio non mi va :(


5) Spike e Buffy (Buffy l'ammazza-vampiri)Immagine correlata
Premettendo che ho un debole per Spike e che Buffy non mi è affatto antipatica, sono contro questa coppia per il semplice fatto che sono tradizionalista e, a parere mio, Buffy doveva stare con Angel. Il primo amore non si scorda mai, se poi è bello come Angel...


Cari amici,questi sono i miei top&flop, basati sui miei gusti personali.
Andate a leggere il post della dolce Chiara in Bookland
Bacioni dalla vostra Cry!











lunedì 18 giugno 2018

Recensione Sempre d'amore si tratta.

Titolo: Sempre d'amore si tratta
Autore: Susanna Casciani
Prezzo: € 16,00
Casa editrice: Mondadori
Genere: narrativa
Voto: 7/10
Trama:

Bisogna prendersi cura dei doni come se fossero piccoli fiori selvatici: sbocciano senza il nostro aiuto, ma dobbiamo fare attenzione a non calpestarli, a non maltrattarli. E la piccola Livia di doni ne ha eccome. Come si fa a non accorgersene? Lei è una che quando si muove assomiglia a una nuvola trascinata dal vento, capace di rendere più colorato tutto quello che tocca. È timidissima, parla poco, però sorride a tutti. E poi ama scrivere, perché farlo la fa sentire diversa, nel senso di speciale, come se nelle sue vene al posto del sangue scorressero le parole. È un cuore puro il suo, e fragile, e per questo avrebbe bisogno di essere accudito e protetto. Però si sa, le stelle, le stesse alle quali Livia bambina si rivolge sommessamente tutte le sere, seduta sul terrazzo di casa, molto spesso si fanno gli affari loro e non sempre hanno voglia di guardare giù, di ascoltarci. Infatti, a un certo punto, nella vita di Livia accade qualcosa che le inceppa il cuore. Coll'aggravarsi della depressione della madre, tutto per lei diventa faticoso, difficile. Ragazzina sognatrice e poi giovane donna, Livia cerca comunque di spiccare il volo ma, quasi fosse una farfalla con un'ala di seta e una di piombo, non fa che sbattere da tutte le parti rovinando puntualmente al suolo. Così, caduta dopo caduta, sfinita da un amore - quello per la mamma malata - che si ciba della parte migliore di lei, inizia a non fare più caso alle piccole magie che accadono ogni giorno e finisce per rassegnarsi a lasciare andare tutti i suoi sogni. Quel che non sa è che l'amore è più potente di qualsiasi delusione.





Recensione:

La felicità può essere una scelta e io qui, adesso, scelgo di essere felice.”

Certe tristezze assomigliano a quegli amori che, pur non essendo mai iniziati, non riescono a finire e il loro ricordo viene a trovarti quando meno te lo aspetti, nei momenti più impensabili, proprio quando eri sicuro di esserne uscito, proprio quando ti eri convinto di stare di nuovo bene.
Reduce della distruzione del mio cuore dopo la lettura del precedente libro della Casciani (Meglio soffrire che mettere in un ripostiglio il cuore), mi sono gettata nuovamente fra le pagine dell'ultimo libro uscito: Sempre d'amore si tratta.
Non mi aspettavo però che fosse un libro così intenso e drammatico, denso di dolore.”

Forse non ero del tutto pronta per affrontare questa lettura che mi ha portato un forte senso di ansia e anche un velo di paura per il futuro.
Non sono una persona fragile ne tanto meno debole ma la storia della Casciani fa capire quanto sia facile farsi prendere dallo sconforto e quanto sia potente il mostro della depressione che arriva a togliere ogni sentimento bello dal cuore delle persone lasciando solo il vuoto.
È stato difficile leggere la storia di Caterina, la madre della protagonista, una donna bellissima, piena di vita e con un sorriso capace di illuminare il mondo ma che, col tempo, si spegne a causa di una forte depressione.
Spietate le parole dure usate dall'autrice che dà a Caterina un'incapacità di dire e pensare cose belle, di amare o anche solo di provare un briciolo di affetto per la figlia e il marito.
Straziante l'immedesimarsi in questa donna, immaginare il vuoto del cuore, la tristezza e la voglia di porre fine alla propria esistenza.
Nonostante le dure parole, l'egoismo e il terribile gesto finale oltre che l'incapacità di dare affetto, non sono riuscita ad odiare questo personaggio, non me la sento proprio.
Ho preso però in antipatia Livia, la protagonista, che si è sempre ritenuta responsabile per lo stato in cui riversava la madre, ho letto della sua completa dedizione a lei, dei suoi sogni infranti, della sua vita interrotta ma non sono riuscita ad amarla, neanche un po'.
È un personaggio complicato, segnato dagli eventi certo, ma pur sempre in grado di scegliere fra vivere e sopravvivere e non riesce mai a prendere una giusta strada.
Invece di essere migliore, di trasformare il dolore in qualcosa di positivo si lascia andare, mette su una corazza di freddezza ed egoismo che non posso proprio mandare giù e che continua a far subire anche alla figlia Camilla.
Livia voleva solo essere libera, lo posso capire, ma usare le persone, non rispettarle e gettarle via non appena si avvicinano troppo non ha senso secondo me.
Molto meglio con il personaggio di Camilla, la dolcissima figlia di Livia e unica persona in grado di dare uno scossone all'apatia di questa donna fredda e dura.
Graditi anche il personaggio di Lorenzo, eterno innamorato di Livia, Bianca, migliore amica di Livia, Rosa, la nonna di Livia e Paolo, un carissimo amico di Livia.
Meno amato Edoardo, il padre di Livia e marito di Caterina che invece di stare accanto alla moglie è riuscito solo a tradirla e a lasciarla sola proprio nel momento in cui aveva più bisogno di sentirsi amata e non ha saputo nemmeno aiutare la figlia, lasciando sulle sue giovani spalle il peso della malattia e della morte della madre.
Insomma una storia che prende a pugni lo stomaco e che mi ha fatto provare molto dolore e rabbia in alcuni punti.
È vero che io non ero pronta ma il libro è profondo e la storia molto forte, e voi sapete che premio sempre i libri che mi provocano emozioni.


Ti lascio la mia copia delle chiavi, la mia felpa a righe e la mia versione di questi anni che abbiamo passato insieme e che quasi sicuramente non avrà niente a che fare con la tua. Ti lascio il mio stereo rosso, la mia parte del letto, qualche imprecazione, il biglietto per quel concerto che avremmo dovuto vedere insieme. Ti lascio la parte migliore di me, quella che non è bastata a sistemare le cose. Non sai quanto coraggio mi ci vuole a lasciarti andare proprio ora che vorrei soltanto tenerti per mano.”

domenica 17 giugno 2018

Parliamo di Kiss me Licia (anime).


Nonostante abbia 28 anni vado ancora pazza per il cartoni animati e non me ne vergogno affatto, sappiatelo, ho sempre pensato che non siano cose come queste a decretare la maturità delle persone.
La mia best, che condivide con me questa passione, mi ha gentilmente recuperato alcuni anime tra i miei preferiti dell'infanzia e così durante il mese mi sono riguardata Kiss me Licia.
Chi non lo ricorda???

Benché io non sia molto romantica, mi sono appassionata nuovamente alla storia tra il bel Mirko e la solare Licia anche se, devo ammettere che non mi dispiaceva nemmeno il cappellone violaceo Satomi.
La storia d'amore è molto dolce e intensa, costellata da mille problemi e incomprensioni, contando anche i pregiudizi di un padre all'antica come Anacleto Marrabbio.
Ci sono però altri personaggi che tifano per questo amore apparentemente impossibile, ed è quindi Andrea, il dolcissimo fratellino di Mirko, aiutato dal gattone Giuliano a fare di tutto affinché i due si innamorino.


Devo ammettere che la storia d'amore tra una rock star eccentrica e una ragazza semplice e con la testa sulle spalle mi ha colpita perché è originale e ben sviluppata sebbene sia un cartone animato.
I personaggi sono tutti interessanti ma il mio cuore è andato senz'altro alla simpatia di Giuliano e Marrabbio che mi hanno fatto sganasciare dalle risate.
Oltretutto Marrabbio di nome fa Anacleto e mi ha quindi ricordato molto il brontolone gufo di La spada nella roccia. Non trovate che i due si assomiglino particolarmente per quanto riguarda il carattere?
Nonostante il suo lato severo e all'antica, Marrabbio è un padre amorevole e sensibile che non potevo proprio odiare.
Che dire di Giuliano? Questo gattone è semplicemente adorabile, sotto tutti i punti di vista.
È un golosone dai tratti un po' italiani (spesso nel doppiaggio si esprime in dialetto napoletano) è buffo e affezionatissimo ad Andrea.
Mi ha molto intenerita il rapporto che c'è fra gatto ed umano.
Allo stesso tempo anche Mirko è un bel personaggio, un cantante rock dal carisma e dal fascino non indifferente.
Non vi è stato nemmeno un personaggio odiato a sto giro, alla fine mi sono piaciuti persino Marika, acerrima nemica di Licia, sia Shiller, antagonista di Mirko.
Ed è anche per questo che adoro questo anime, tutti i personaggi hanno un vissuto e dei sentimenti che li rendono impossibili da odiare.
Insomma amici, un bellissimo tuffo nel passato con Kiss me Licia, per cui mi azzardo a consigliare a tutti quelli che hanno figli o fratelli piccoli di far conoscere questo anime dolcissimo.
Mio voto personale? Direi un 8/10. 


E voi che ne dite?
A domani 💙💙💙

sabato 16 giugno 2018

5 canzoni preferite tratte dai film Disney.

Quando si parla di film Disney io vado in visibilio quindi non potevo proprio saltare questo appuntamento!
Le scelte dovevano essere 5 ma io ho barato alla grande citandone ben 9, di cui 2 non sono della Disney, ma non potevo non farvi sentire due canzoni bellissime di un film che amo con tutto il cuore.
Capitemi ❤


Questa canzone mi ha sempre fatto emozionare, il legame tra genitori e figli non può essere descritto meglio. E poi adoro Il re leone e il modo in cui Simba protegge e si prende cura di Chiara è dolcissimo.

Sempre da Il re leone ho estratto Hakuna Matata che è un po' il mio motto, il mio modo di vivere pensando sempre positivo e affrontando i problemi uno alla volta, con ottimismo e calma.

Sempre, sempre ascoltare il nostro cuore, lui sa dove andare e qual'è la cosa giusta da fare.
E poi se lo dice Pocahontas non si può non darle retta!

Amo questa canzone che parla di libertà, di seguire il proprio istinto e trovare la propria felicità, anche quando non sembra per niente facile. Bisogna abbattere le barriere che ci tengono prigionieri per scoprire chi siamo davvero.

E altra canzone presa da Il re leone 2, una canzone che parla di amori difficili ma anche della potenza di un sentimento che non molla mai nonostante i pregiudizi e nonostante gli ostacoli. L'amore trova sempre la via.

Megara la sa lunga, o crede di saperla lunga sugli uomini e sui sentimenti che prova ma...non si può mettere a tacere il cuore e, anche una donna delusa e ferita, riesce ancora ad amare, è la nostra forza e la nostra condanna vero donne?

Anastasia mi ha incantata dal primo momento che l'ho visto e da piccolina cantavo a squarciagola Quando viene dicembre, la trovo una canzone nostalgica e meravigliosa.

Un'altra canzone che parla di trovare la propria strada, anche quando la vita non è dolce con noi, quando non sappiamo nemmeno chi siamo ed abbiamo paura, siamo soli e senza nessuno al mondo. Anastasia è un esempio da seguire, non si arrende e fa di tutto per ritrovare sia il suo passato che il suo presente e sognare il futuro.

Come poteva mancare una delle canzoni più dolci di sempre? La bella e la bestia è un film che porto nel cuore da quando avevo una decina di anni. Ci credete che ogni volta che l'ascolto mi emoziono e piango?
Bellissima.

Ne avrei potute citare ancora tantissime ma mi sono costretta a resistere per cui vi saluto e vado a sbirciare cos'avete scelto voi mie care blogger.
Fatemi sapere se anche voi avete delle canzoni Disney che amate lettori.
😘❤💓