Elenco blog personale

lunedì 2 ottobre 2017

L'angolino del manga.

Ciao a tutti amici lettori, come state?
Oggi ci ritroviamo con la rubrica dedicata ai manga, siete felici?
Vi piace questo piccolo angolo?
Mi sentivo laboriosa a settembre e così ho finito per leggere ben due serie manga, seppur brevi.
Andiamo a parlarne nel dettaglio.
Buona lettura!
L'angolino del manga.

Solo i fiori sanno...

Titolo: Solo i fiori sanno...
Autore: Rihito Takarai
Volumi: 3
Prezzo(di un volume singolo): 6,90

Personaggi principali:
Misaki:
Arikawa:
Kawabata:

Trama:
Arikawa e Misaki si incontrano all'università nel pomeriggio di una bella giornata di sole, e poi di nuovo alla stazione in una sera di pioggia. Non sanno niente l'uno dell'altro, nemmeno i loro nomi...
Tutto ha inizio così. Ma, poco alla volta, le distanze tra i due si accorciano e...

Il mio pensiero:
Questa serie manga mi è stata consigliata da un carissimo amico del blog La libreria incantata, me ne ha parlato e non ho potuto fare a meno di leggerla, essendo io in cerca di letture nuove.
L'ho terminata nel giro di un pomeriggio ma ho dovuto lasciar passare un po' di tempo prima di riuscire a far sedimentare le idee che mi sono fatta.
La storia è molto particolare, si parla di amore, di amore fra due ragazzi universitari che non possono essere più diversi.
Arikawa è un ragazzo solare, gentile e aperto, uno che, talvolta, con il suo entusiasmo può anche sembrare invadente ma che non ha assolutamente paura di esternare le sue emozioni e i suoi sentimenti.
Misaki invece è tutto l'opposto: solitario, introverso, distaccato e timido, ha il cuore chiuso ermeticamente e non dimostra mai nulla.
Kawabata è un ragazzo molto vicino a Misaki, a lui appartiene una parte dell'infanzia del giovane e nasconde un segreto importante che rischia di distruggere l'amore nascente tra Misaki e Arikawa.
Un triangolo quindi?
Non proprio, diciamo che il ruolo di Kawabata va preso come un modo per approfondire e capire meglio il personaggio di Misaki e le sue paure più recondite.
La storia non sarebbe affatto male, è dolcissima e romantica al punto giusto ma, secondo il mio punto di vista, è stata sviluppata frettolosamente.
Io avrei voluto che tutto si svolgesse con più calma, avrei voluto capire più cose di entrambi i personaggi, invece ho avuto l'impressione che tutto si sia svolto troppo velocemente e senza quasi un filo logico.
Il personaggio di Misaki è davvero troppo chiuso e spesso mi ha fatto alzare gli occhi al cielo mentre leggevo tutte le paturnie che si faceva quando sarebbe stato molto più semplice lasciarsi andare all'amore...ma questo è ovviamente un mio parere.
Ho apprezzato la nota di mistero che l'arrivo di Kawabata porta con sé, dà decisamente una sferzata alla tenerezza della storia.
Il finale sinceramente mi sembra un po' tirato, lo devo dire, ma in fondo ci sta.
Alcune scene a sfondo sessuale forse erano un pochino esagerate ma tutto sommato anche il tocco erotico è servito a smorzare l'atmosfera pucciosa che si crea verso la fine.
Insomma, tirando le somme Solo i fiori sanno... è una storia carina ma che avrebbe bisogno di qualche approfondimento qua e là.
Sono stata contenta di aver finalmente letto qualcosa di differente, ne faccio poche di queste letture e penso che ogni tanto facciano anche bene per ricordarsi che l'amore è amore in tutte le forme e in tutti i colori.

Debora la rivale


Titolo: Debora la rivale
Autore: Kaoru Tada
Volumi: 4
Prezzo(di un volume singolo): 5,50

Personaggi principali:
Debora/Umenosuke
Asayo

Trama:
Chi è Debora? Lo shock di Asayo nello scoprire che Debora e Umenosuke, aitante vicino di casa e rampollo di un'antica famiglia, sono la stessa persona è davvero grande. Umenosuke si veste, si comporta, parla come una perfetta donna di casa, proprio il contrario di Asayo! C'è speranza per il giovane amore di Asayo?

Il mio pensiero:
Quando la mia best mi ha prestato questo manga non sapevo cosa aspettarmi, mi aveva accennato che è una serie un po' particolare ma senza dirmi nulla di specifico, così ho iniziato Debora la rivale con un enorme punto di domanda in testa.
All'inizio tutto normale, Asayo, una ragazza pasticciona e timida che si trasferisce nella nuova scuola, poi arriva Umenosuke...
Umenosuke, alias Debora, è un ragazzo che si veste, atteggia e comporta come una ragazza e, guarda caso, è proprio lui il nuovo vicino di casa della nostra Asayo che non può far altro che innamorarsene perdutamente.
Ora, io amo le storie particolari, però ho fatto davvero fatica ad immaginare una storia tra una ragazza e un ragazzo che si sente in tutto e per tutto una donna.
Insomma, io quando penso ad un omosessuale mi viene in mente Jack di Will e Grace: simpaticissimo, affemminato e super esagerato sia nelle movenze che nella voce, ed è proprio così che si presenta Debora/Umenosuke.
Solo che ad un certo punto anche Debora si innamora di Asayo, quindi mi viene da pensare: perché Debora continua ad essere omosessuale pur innamorandosi di una ragazza?
Questo non lo capisco ma immagino sia proprio l'intento dell'autrice quello di creare una storia fuori dagli schemi, e devo ammettere, che ci è riuscita alla grande.
Ho amato fin dalla sua prima apparizione Debora, simpatico, pazzo, esuberante ed eccentrico, proprio il personaggio che piace a me di solito insomma.
Asayo invece mi ha fatto tenerezza perché, talvolta, sembra proprio una bambina ed è davvero dolcissima.
Come dicevo prima la storia è leggera e un po' inverosimile ma alla fine dei giochi è molto carina e simpatica, non troppo smielata.
Insomma amici lettori, se dovessi consigliarvi qualcosa di divertente sceglierei proprio Debora la rivale.


Bene amici, il post è concluso.
Vi do appuntamento fra un mese esatto per parlarvi di una nuova serie manga.
Ciao ciao amici lettori!

2 commenti:

  1. Come probabilmente sai ho letto anche io "Solo i fiori sanno..." e sono d'accordo, è una serie carina e tratta in modo dolce il tema dell'omosessualità, ma avrebbe avuto bisogno di qualche volume in più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, qualche volumetto in più ci stava tutto, peccato... :(

      Elimina